Dipendenti pubblici della sicurezza dell'aeroporto di Los Angeles al lavoro senza essere pagati nel primo giorno di "shutdown"
Shutdown, Papa e Alba della Terra, gli eventi da non perdere di lunedì 24 dicembre

LaPresse e upday presentano gli eventi da non perdere di lunedì 24 dicembre 2018

Shutdown - La Statua della Libertà, è rimasta aperta grazie all'intervento del governatore democratico dello Stato di New York, Andrew Cuomo, ma molti altri servizi e attività pubblici americani sono fermi a causa dello shutdown. Trump e il Senato non si sono messi d'accordo sul Bilancio perché il presidente Usa vuole 5 miliardi di dollari per costruire il muro con il Messico che i senatori non gli vogliono dare. Da venerdì un quarto dell'amministrazione pubblica Usa è fermo. Oggi riprendono le trattative, ma le previsioni su uno "shutdown" breve (l'ultimo, l'anno scorso fu di poche ore) non sono ottimistiche. Trump ha provato a far passare l'"opzione nucleare", in base alla quale la maggioranza per approvare il bilancio scenderebbe da 60 a 51 voti  Ma lo stesso capogruppo repubblicano Mitch McConnelle gli ha risposto picche. Le regole bipartisan negli Usa sono molto importanti e non si può abbatterle per interesse di parte. Proprio come da noi....

Pope Francis (R), flanked by Prefect of the Papal Household, Georg Ganswein, looks on during an audience with representatives of the Italian National Civil Protection Service on December 22, 2018 at the Paul VI hall in the Vatican. (Photo by Tiziana FABI / AFP)

Messa di Natale - Papa Francesco in persona celebra la Messa della Notte di Natale alle 21,30 in San Pietro. Il 25 in Piazza San Pietro, ore 12, ci sarà la benedizione Urbi et Orbi. Nella Messa, il Papa leggerà il classico vangelo secondo Luca che racconta com Giuseppe e Maria siano partiti per Betlemme per registrarsi nel censimento indetto da Augusto imperatore "mentre era governatore della Siria Quirino". Il passo dell'evangelista descrive con semplici parole come Maria "diede alla luce il suo primogenito" e lo "depose" in una mangiatoia perché "non c'era posto per loro nell'albergo". Luca, grande cronista e narratore, racconta dei pastori, avvisati dall'angelo che accorrono ad adorare il bambinello. Un viaggio della speranza di duemila anni fa, molto simile a quello di tanta povera gente di oggi. Il Papa ha detto che "le porte della Chiesa sono aperte ai migranti". I porti italiani, invece, restano chiusi.

Manovra - Per due giorni se ne parlerà un po' meno. Approvata al Senato con il voto di fiducia sul maxiemendamento che l'ha stravolta in base all'accordo con Bruxelles, la manovra economica del governo Conte, torna in Commissione alla Camera (il 28 dicembre) per la terza lettura. Per la prima volta, il ramo del Parlamento che la deve approvare avrà il tempo materiale per esaminarla (3/4 giorni compresi Natale e Santo Stefano), cosa che, finora, non era mai stata possibile. Almeno teoricamente, la V Commissione di Montecitorio potrà trattarla secondo le regole. Nella bagarre finale al Senato, molte cose erano sfuggite come la norma che permetterebbe a persone senza un titolo valido di esercitare professioni sanitarie non mediche (fisioterapia, ostetricia, infermieristica)  purché abbiano 36 mesi di esperienza negli ultimi 10 anni. Una norma che sembra essere inserita nella logica contraria alle competenze che molti attribuiscono al M5S. L'opposizione darà battaglia.

Italia in cifre - Ultimi giorni dell'anno. Tempo di tirare le somme del 2018. I numeri dell'Istat possono essere per farlo e per "leggere" meglio il nostro Paese. Siamo 60 milioni e 483 mila in un territorio di 310 mila km quadrati (195 abitanti per km quadrato); le donne sono 31 milioni e gli uomini meno di 29 e mezzo. Gli stranieri residenti sono 5 milioni e 150mila, la maggior parte europei, meno di un milione vengono dall'Africa, circa altrettanti dall'Asia. Sono 22,5 milioni quelli che lavorano (appena il 37,2% del totale. Il tasso di disoccupazione è del 10,1% (circa 2,5 milioni di persone cercano un lavoro). Tutti insieme produciamo 1.935 migliaia di miliardi di dollari (settimo nel mondo) che nel 2018 è cresciuto solo dell'1%, meno del previsto. Il nostro debito è più grande del Pil (131,8%). Abbiamo sempre la miglior aspettativa di vita (82,75 anni), stiamo abbastanza bene di salute e ci curiamo abbastanza bene, ma siamo tesi, nervosi, arrabbiati e con poca fiducia in noi stessi, nel prossimo e in chi ci governa. Come riusciremo a migliorare?

L'alba della Terra - Questa incredibile foto venne scattata il 24 dicembre del 1968 intorno alle 17 ora italiana. Esattamente 50 anni fa, dunque. La scattò l'astronauta americano William Anders da una posizione in cui nessun essere umano si era mai trovato prima. Anders, insieme ai suoi compagni di viaggio Frank Borman e Jim Lovell erano a bordo della navetta Apollo 8 lanciata qualche giorno prima con un enorme missile Saturn. Avevano percorso circa 350mila km e avevano appena cominciato la prima di dieci orbite intorno alla Luna a non più di 100 km d'altezza. Alla prima "curva" lunare, "sorse" dall'altra parte la Terra e i tre furono in grado di scattare queste incredibile immagine. "Earthrising", è il titolo della foto, "il sorgere della Terra", l'alba del pianeta su cui viviamo visto dal suo satellite. In tutto questa scena è stata vista da non più di 18 uomini (i 12 che sbarcarono sula Luna e i sei che vi girarono intorno). Di questi, solo 5 sono ancora vivi.

 

 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata