Giornata mondiale senza tabacco, in Italia il fumo è la principale causa di morte
Nel nostro Paese si contano ogni anno dai 70mila agli 83mila decessi e oltre il 25% avviene tra i 35 e i 65 anni di età

Il 31 maggio è la Giornata mondiale senza tabacco proclamata dall'Organizzazione mondiale della sanità. Ogni anno la celebrazione ha un tema principale, quello del World No Tobacco Day 2018 è 'Tabacco e malattie cardiache'. Il tabagismo è infatti la seconda causa principale di malattie cardiovascolari e l'uso di tabacco e l'esposizione al fumo passivo contribuiscono a circa il 12% di tutte le morti per malattie cardiache. Di più: secondo l'Oms il consumo di tabacco rappresenta la seconda causa in generale di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile; quasi 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo e fra le vittime oltre 600mila sono non fumatori esposti al fumo passivo. In Italia i fumatori sono il 23,3% della popolazione, pari a 11,7 milioni di persone, e il fumo di tabacco rappresenta la principale causa di morte nel nostro Paese: si contano ogni anno dai 70mila agli 83mila decessi e oltre il 25% avviene tra i 35 e i 65 anni di età.

Respirare anche piccole quantità di fumo può danneggiare la salute: degli oltre 4mila costituenti chimici che si sprigionano con la combustione del tabacco, infatti, più di 50 sostanze sono considerate tossiche e/o cancerogene. Tra le più pericolose c'è sicuramente il catrame, le cui sostanze cancerogene vanno a depositarsi nei polmoni e nelle vie respiratorie, oltre a sostanze irritanti che favoriscono l'insorgere di infezioni, bronchite cronica ed enfisemi. Un'attenzione particolare va rivolta poi alla nicotina che, oltre a essere tossica per la salute, genera dipendenza. L'abitudine al fumo di tabacco incide negativamente sulla salute aumentando il rischio di malattie respiratorie, cardiovascolari e oncologiche e genera un effetto negativo sul sistema riproduttivo riducendo la fertilità.

Per la Giornata mondiale senza tabacco sono tante le iniziative promosse da Regioni, Comuni e Asl. La Lilt-Lega italiana per la lotta contro i tumori aderisce come ogni anno e lancia la sua campagna di sensibilizzazione. Un paio di chiavi e una porta aperta rendono l'idea di come "aprirsi alla buona salute" possa aiutare a ottenere un "pacchetto" di benessere "chiavi-in-mano". Un ulteriore sostegno concreto offerto ai cittadini è il numero verde Sos Lilt 800.99.88.77, anonimo e gratuito su tutto il territorio nazionale, anche da cellulari, che offre informazioni e supporto di medici e psicologi per liberarsi una volta per tutte dalle sigarette.


 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata