Genova, torna da Marocco con la figlia e 500 kg di droga: arrestata

Genova, 30 dic. (LaPresse) - Poteva sembrare un normale rientro da una vacanza con la figlioletta, ma nell'auto in realtà erano nascosti oltre 500 chili di droga. Il maxi sequestro è avvenuto il giorno di Natale ad opera della Polmare di Genova a ponte Caracciolo, dove stavano sbarcando i passeggeri provenienti dalla nave Gnv Excellent, in arrivo da Tangeri in Marocco. Tra loro Siham Benharoual, che viaggiava a bordo di una Toyota Avensis con targa italiana. Sul seggiolino collocato su sedile posteriore la figlioletta della donna, di soli 4 anni. Gli agenti della polizia di Stato sono stati insospettiti dall'atteggiamento nervoso della donna e dalla mancanza sul cruscotto anteriore dell'auto del numero di telaio.

Così sono scattati i controlli che hanno portato prima a scoprire alcuni panetti colorati sotto i sedili dell'auto, poi con l'ausilio dei vigili del fuoco, il controllo è stato esteso alla carrozzeria. Gli agenti e i pompieri si sono infatti accorti che sull'auto erano stati saldati alcuni pannelli, che consentivano di occultare la droga. In tutto sono stati sequestrati 512,245 chili di hascish suddivisi in 1229 panetti di forma, peso e confezionati con colori diversi. La donna, incensurata e residente a Pontedera in Toscana, è stata arrestata mentre la bambina è stata affidata a una struttura sociale per minori. La droga, venduta al dettaglio, avrebbe potuto fruttare fino a 10 milioni di euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata