Genova, rischia di crollare il moncone di Levante. Prefetto: "Autostrade intervenga subito"
Due giorni di tempo per metterlo in sicurezza o abbatterlo in modo controllato

I due monconi di quel che resta del ponte Morandi di Genova devono essere abbattuti perché a rischio crollo. La relazione della commissione del ministero dei Trasporti sui piloni rimasti in piedi dopo la tragedia del 14 agosto evidenzia, infatti, la "pericolosità della pilone 10 del viadotto" che sostiene il moncone Est della struttura, a ridosso delle abitazioni evacuate. Il governatore della Liguria, Giovanni Toti, si è subito messo in azione e, in quanto commissario per l'emergenza di Genova, ha scritto una lettera in cui esorta Autostrade per l'Italia, come soggetto gestore dell'infrastruttura autostradale A10, a far saper quali attività "intende immediatamente porre in essere" per la messa in sicurezza o demolizione dei tronconi del viadotto" non collassati ed instabili.  Nel momento in cui la decisione diventerà ufficiale, verrà chiesto alla Procura di procedere con il dissequestro dei monconi per permetterne l'abbattimento. Il procuratore di Genova, Francesco Cozzi, si è detto pronto a firmare quanto prima il dissequestro.

Allo stesso tempo, ha dato il via al sequestro dei materiali negli uffici di Autostrade per l'Italia a Genova, Firenze e Roma, attraverso la Guardia di finanza. I finanzieri hanno acquisito ogni documentazione tecnica, amministrativa, contabile nonché quella relativa ai controlli e alle verifiche periodicamente eseguite sulle condizioni del ponte, agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria realizzati o progettati e ai relativi appalti (contratti, capitolati speciali, stati avanzamento lavori, documentazione di cantiere, piani di sicurezza per le lavorazioni, collaudi). Al momento, la Procura intende prima raccogliere atti e iniziare a esaminare la documentazione e poi ascoltare le testimonianze di due dei componenti della commissione ministeriale, Roberto Ferrazza che la presiede e Antonio Brencich.

Intanto la città cerca di tornare lentamente alla normalità. Il sindaco, Marco Bucci, ha annunciato che sono state assegnate altre 8 case agli sfollati dalle abitazioni sotto il ponte, e ha fatto sapere che "coloro che intendono andare in affitto possono scegliere la casa che vogliono e quella sarà pagata dall'amministrazione".
Inoltre, da lunedì 27 agosto sarà riaperto il traffico ferroviario sulla linea Genova-Milano, via Mignanego, e dal pomeriggio di martedì 28 anche su uno dei due binari tra Genova Brignole e Genova Quarto, sulla linea Genova-La Spezia.
E la Lega di serie A ha annunciato che nel fine settimana tutte le squadre della serie A e gli ufficiali di gara entreranno in campo con una maglietta che avrà la scritta 'Genova nel cuore'.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata