Genova, bimbi e adulti per nuovo viadotto: 3mila a Spazio Ponte per Festival Scienza
Genova, bimbi e adulti per nuovo viadotto: 3mila a Spazio Ponte per Festival Scienza

L'obiettivo degli incontri è fare scoprire al pubblico i passaggi che porteranno alla realizzazione della nuova struttura

Durante il Festival della Scienza 2019 oltre 3mila persone hanno visitato Spazio Ponte, luogo interattivo dedicato alla costruzione del nuovo viadotto sul Polcevera a Genova, dove sono stati organizzati 12 laboratori in 4 giorni. Il progetto, realizzato da PerGenova, consorzio costituito da Salini Impregilo e Fincantieri, è partner ufficiale della rassegna dedicata alla scienza nella città di Genova e vede numerose attività organizzate tra visite guidate e laboratori, rivolti a bambini e adulti. L'obiettivo degli incontri in Spazio Ponte è condividere e fare scoprire al pubblico in tempo reale i passaggi che porteranno alla realizzazione della nuova struttura ideata da Renzo Piano e progettata da Italferr. "Questo spazio per noi è importante perché apre una finestra sul ponte. I cittadini e i turisti possono, in prima persona, vedere attraverso telecamere e attraverso i dati quello che stiamo facendo in massima trasparenza", ha spiegato Simona Olcese, Ufficio Qualità PerGenova. Lo spazio, che rimarrà aperto anche dopo il festival, ha suscitato interesse in adulti e bambini: "Sicuramente la parte più formativa per i più piccoli è la simulazione al computer perché possono in prima persona costruire il loro ponte rendendosi conto delle varie difficoltà e delle varie fasi che si incontrano nella realizzazione della nuova struttura", ha raccontato Olcese.

Il cantiere del nuovo viadotto è attivo 24 ore su 24 sia a Ponente sia a Levante. "Se ne parla tanto, si legge tanto sui giornali ma in realtà è molto più chiaro vedere un plastico con dei numeri e delle cifre. Soprattutto - ha sottolineato una visitatrice - lo spazio multimediale ti dà l'idea sul luogo dove andrà a inserirsi il ponte e il contesto. Questi spazi ci vogliono e anzi devono essere pubblicizzati il più possibile".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata