Garlasco, corte Appello di Brescia: No alla revisione del processo
La richiesta della difesa di Stasi non presentava i requisiti formali dal punto di punto di vista giuridico

La corte d'appello di Brescia ha ha dichiarato il non luogo a procedere per l'istanza di revisione del processo sull'omicidio di Chiara Poggi, presentata dalla difesa del fidanzato Alberto Stasi, che scontando una condanna definitiva a 16 anni nel carcere di Bollate. La richiesta, da quanto si è saputo da fonti legali, non presentava i requisiti formali dal punto di punto di vista giuridico per essere accolta, dato che la corte d'appello di Brescia non ha ricevuto alcuna istanza di revisione da parte della Procura Generale di Milano. L'istanza era stata depositata dai legali di Stasi lo scorso dicembre e si basava su indagini difensive che avrebbero accertato la presenza del Dna di un amico del fratello della vittima sotto le unghie di Chiara

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata