Garlasco, Cassazione conferma condanna a 16 anni per Stasi
Per il giovane, attualmente in carcere, non ci sarà un processo di appello ter

E' stata confermata la condanna per Alberto Stasi. Resta in carcere e per lui non ci sarà un processo di appello ter. Lo ha stabilito la Cassazione che ha dichiarato inammissibile il ricorso dei suoi avvocati per una riapertura del caso. Stasi sta scontando la condanna a 16 anni di reclusione per l' omicidio della fidanzata Chiara Poggi, avvenuto a Garlasco, nel pavese, il 13 agosto 2007.

"Il rigetto di questo ricorso conferma, semmai ve ne fosse stato bisogno, che la sentenza di condanna è stata emessa all'esito di un giusto processo e sulla base delle nuove prove acquisite davanti alla corte d'Assise d'appello di Milano". Così Francesco Compagna, avvocato della famiglia Poggi, commenta la pronuncia della Cassazione. "Noi legali e la famiglia Poggi non abbiamo mai voluto dei giudizi sommari ma un accertamento rigoroso della verità. E questo accertamento vi è stato e speriamo che tutti ne vogliano prendere atto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata