Gandolfini condannato a 40mila euro di multa per aver diffamato l'Arcigay
Gandolfini condannato a 40mila euro di multa per aver diffamato l'Arcigay

L'organizzatore del Family Day sostenne in un dibattito pubblico che tra le 58 identità di genere approvate dall'associazione vi fosse anche la pedofilia

Il Tribunale di Verona ha condannato Massimo Gandolfini, portavoce del Comitato 'Difendiamo i nostri figli' e organizzatore del Family Day, per aver diffamato Arcigay. Il giudice - fa sapere l'associazione - ha condannato Gandolfini, per l'art. 595 del codice penale, comma 1 e 2, a quattro mesi di reclusione, convertiti in una sanzione pecuniaria di 30mila euro, e a una provvisionale di 7000 euro per l'associazione e 3000 euro per l'allora presidente, Flavio Romani, più il pagamento delle spese processuali e al risarcimento del danno.

"I fatti a cui la sentenza fa riferimento avvennero nel 2015, quando durante un intervento pubblico Gandolfini sostenne che tra le 58 identità di genere approvate da Arcigay e tra cui era possibile optare su Facebook per connotare il proprio profilo vi fosse anche la pedofilia. Per sostenere le proprie affermazioni, Gandolfini mostrava un articolo da La Repubblica, che nell'occhiello recitava 'Da oggi il social media permette di optare tra 58 identità diverse. Tutte approvate da Arcigay, inclusa una destinata a suscitare dibattiti'", ricorda Arcigay nella nota. "Tuttavia ne travisava totalmente il contenuto, sostenendo che l'identità di genere approvata da Arcigay e destinata a suscitare dibattito fosse la pedofilia, e non quella del 'femminiello', come l'articolo correttamente riportava", continua Arcigay.

"Ancora una volta un esponente del mondo ultraconservatore viene condannato per la sua condotta nei confronti delle persone e delle associazioni lgbti", commenta Gabriele Piazzoni, segretario generale Arcigay. "Pochi mesi fa Pillon veniva condannato a Perugia, oggi Gandolfini fa il bis a Verona. Questa condanna ci dice molto sulla modalità che i patron del Family Day usano per affermare le proprie idee, cioè la diffamazione. Con molta soddisfazione oggi diciamo nuovamente che giustizia è fatta e che continueremo a difendere in ogni sede la dignità e l'onorabilità delle persone lgbti. Un ringraziamento sentito all'avvocata Rita Nanetti, che con grande competenza ci ha assistiti in questa vicenda", conclude Piazzoni.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata