Friuli-Venezia Giulia, frodi su appalti per 1 miliardo di euro: l'indagine della guardia di finanza

Tra i reati per cui si procede si evidenziano l'associazione a delinquere, la turbativa d'asta, gli inadempimenti e le frodi nelle pubbliche forniture, i subappalti in violazione di legge e concussione

Sono circa quattrocento i finanzieri del comando regionale Friuli-Venezia Giulia che sono impegnati dall'alba di mercoledì nel triveneto e in tutto il territorio nazionale in acquisizioni documentali, perquisizioni e sequestri disposti dalla Procura della Repubblica del tribunale di Gorizia presso decine di enti pubblici, società e abitazioni di soggetti sottoposti ad indagini, all'esito preliminare di un'attività investigativa condotta su molteplici appalti di opere pubbliche per un valore di oltre un miliardo di euro. Le procedure di affidamento oggetto delle indagini riguardano la manutenzione e la costruzione di strade, autostrade, ponti, viadotti, cavalcavia, sottopassi, gallerie, piste aeroportuali, edifici, opere fluviali e di sistemazione idraulica, acquedotti, gasdotti, opere marittime e lavori di dragaggio, impianti di bonifica e protezione ambientale.

Ciò che emerge dalle risultanze istruttorie non sono solo le decine di turbative d'asta tra le imprese coinvolte per effetto di pratiche collusive, ma anche un pericoloso fenomeno di frode nella realizzazione delle opere appaltate con lavorazioni eseguite utilizzando talvolta materiali non certificati, difformi da quelli dichiarati e in quantitativi inferiori rispetto a quelli richiesti e fatturati, con conseguenti gravi violazioni anche di natura ambientale, il tutto con il comportamento a volte omissivo di coloro che avrebbero dovuto esercitare funzioni di controllo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata