Fratello arrrestato per mafia, il dolore della vedova Schifani
Fratello arrrestato per mafia, il dolore della vedova Schifani

Rosaria Costa, moglie di un poliziotto morti nella strage di Capaci: "Sono devastata, è come se fosse morto"

Rosaria Costa, vedova di Vito Schifani, uno dei tre poliziotti morti nella strage di Capaci del 1992, esprime tutto il suo dolore per l'arresto del fratello Giuseppe, in manette ieri a Palermo per associazione mafiosa. L'uomo avrebbe riscosso il pizzo per il clan dellʼArenella. "Sono devastata, è come se mio fratello fosse morto", si sfoga in un'intervista la donna, divenuta un simbolo di ribellione e riscatto contro Cosa Nostra. Ma la sua battaglia prosegue: "La mafia non mi fermerà, continuerò il mio impegno", assicura Rosaria Costa che da nni vive lontano dalla sua Sicilia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata