Foggia, le figlie litigano e i padri si sparano: un morto

Bari, 1 sett. (LaPresse) - Omicidio a San Severo, nel foggiano, ieri sera intorno alle 22. Un 52enne, che 5 anni fa aveva scontato una condanna per associazione a delinquere di stampo mafioso, è stato ucciso con otto colpi di pistola a Città Giardino, quartiere periferico della città. Il movente non sarebbe legato al passato criminale dell'uomo: dalle prime ricostruzioni della polizia alla base un litigio tra le figlie della vittima e quelle dell'assassino, un uomo di 55 anni.

Sabato sera le due ragazze avrebbero avuto una lite per rivalità sentimentali, ieri sera il 55enne si è presentato a casa del 52enne per chiedere spiegazioni. Ne è nata per strada una violenta discussione, entrambi hanno tirato fuori le pistole e hanno sparato. Due le armi trovate sul luogo del delitto dagli inquirenti: una calibro 7,65 detenuta illegalmente dalla vittima e una calibro 9x17 dell'assassino, i cui proiettili hanno raggiunto il 52enne in varie parti del corpo. Illesa sua moglie, che era scesa con il marito ed era presente al momento della sparatoria. E' stata la donna a chiamare i soccorsi, ma quando il 118 è arrivato ha potuto soltanto constatare il decesso. Il killer poi si è presentato in caserma dove è stato arrestato.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata