Ferrara, ragazzino ebreo aggredito a scuola: "Riapriremo Auschwitz e vi ficcheremo tutti nei forni"
Ferrara, ragazzino ebreo aggredito a scuola: "Riapriremo Auschwitz e vi ficcheremo tutti nei forni"

Assalito negli spogliatoi e insultato. La rappresentante di classe: "Episodio inaccettabile"

Ragazzino ebreo aggredito e insultato in una scuola media di Ferrara. Secondo quanto riporta Il Resto del Carlino, lo studente è stato assalito negli spogliatoi della palestra da alcuni compagni, che gli avrebbero gridato: "Quando saremo grandi faremo riaprire Auschwitz e vi ficcheremo tutti nei forni, ebrei di...".
 
Dopo la denuncia fatta dalla madre del bambino, ha commentato l'accaduto la rappresentante di classe. "E' inaccettabile che accadano simili episodi. Non si può far passare sotto silenzio questo chiaro segnale di antisemitismo strisciante". 

Sempre secondo quanto riportato dal sito del quotidiano, la dirigente scolastica dell'istituto convocherà "un consiglio di classe straordinario per capire meglio, anche con i professori, quello che è accaduto". 

Il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti chiede chiarezza: "La scuola è e deve essere luogo di solidarietà, di inclusione, di accoglienza, di condivisione, di pace. Non sono tollerabili atti di antisemitismo e di razzismo. Per questo, ho attivato subito il nostro Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia Romagna chiedendo di approfondire il caso emerso in una scuola di Ferrara e di fornire ogni supporto necessario affinché non si ripeta nulla di simile in futuro". 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata