Napoli, la rabbia dei commercianti: "Dallo Stato nessuno aiuto"

"Siamo stati lasciati soli, per molti non c'è nessun futuro"

La fase due a Napoli si apre con la protesta dei commercianti che minacciano di non riaprire le loro attività se non saranno concreti gli aiuti da parte dello Stato. "Siamo stati lasciati soli, dallo Stato solo confusione, per molti non c'è futuro", dicono gli esercenti. "Siamo a casa da 60 giorni, ci serve un finanziamento e l'abolizione delle tasse per ripartire", spiega uno dei partecipanti alla manifestazione.