Expo, Gratteri: Abbiamo sempre detto che c'era la 'ndrangheta

Torino, 8 mag. (LaPresse) - "Noi abbiamo da sempre sostenuto che la 'ndrangheta è presente dove ci sono da gestire denaro e potere. Quindi noi già negli anni passati abbiamo detto: attenzione che la 'ndrangheta non starà fuori dall'Expo". Così il procuratore aggiunto di Reggio Calabria Nicola Gratteri a margine del Salone del libro di Torino sugli arresti che oggi hanno colpito Expo.

"Certo che ha senso fare l'Expo - ha aggiunto -. Il mondo non si deve fermare. Bisogna cambiare le regole del gioco, le regole d'ingaggio: bisogna studiare come non rendere conveniente delinquere".

Essere presenti nell'Expo per la 'ndrangheta "non è tanto un fatto di guadagno, ma di gestione del potere. Come essere presente in Val di Susa per la Tav o nelle opere per Olimpiadi invernali in Piemonte: è una questione di prestigio".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata