Esplosione Alessandria, l'audio choc del carabiniere sotto le macerie

La voce disperata del militare: "Manda qualcuno. Sto perdendo un sacco di sangue. Stiamo morendo"

"Manda qualcuno, è esploso tutto. Manda veloce, sono tutti feriti. Sono sotto qualcosa, non so cosa, sto malissimo. Siamo tutti cotti, digli di fare in fretta, Pasquà, è crollato tutto qua. Sto perdendo un sacco di sangue. Stiamo morendo". È l'audio, disperato, che un carabiniere ha fatto alla centrale operativa negli istanti successivi all'esplosione a Quargnento, in provincia di Alessandria. In sottofondo si sentono urla. "Dimmi te se devo morire così, ho 31 anni", dice il carabiniere. Dalla centrale lo tranquillizzano: "Vai tranquillo, Robi, che non muori".