Esplosione nell'ascolano, numero vittime sale a 3: solo una superstite

Ascoli Piceno, 13 dic. (LaPresse) - E' salito a tre il bilancio delle vittime dell'esplosione di una palazzina avvenuta questa mattina a Montalto Marche, in provincia di Ascoli Piceno. Lo scoppio che ha sventrato il palazzo è stato provocato da una fuga di gas: l'aria era talmente satura che è bastata una piccola scintilla. Luigia Timo, conosciuta come Gina, 79 anni, originaria di Lecce ma da anni residente nell'ascolano, è morta sul corpo. Arnaldo Bartolini, 74 anni, invece, è stato estratto vivo dalle macerie ma poi è deceduto in ospedale. L'unica persona che si è salvata è la moglie, Diana Merlonghi, 72 anni, ricoverata all'ospedale di Ancona. L'altra vittima è Maria Napoli, 81 anni, originaria di Vietri sul Mare, la prima ad essere ritrovata dai vigili del fuoco senza vita. L'anziana abitava in una palazzina adiacente che è stata danneggiata dall'onda d'urto dello scoppio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata