Escursionista cade nel burrone: morto

Treviso, 2 mag. (LaPresse) - Un escursionista trevigiano ha perso la vita ieri pomeriggio, precipitando per 200 metri da un dirupo. Verso le 16, F.C., 42enne di Caerano San Marco, in provincia di Treviso, stava percorrendo con un amico una cengia in Val del Mus quando, in un tratto attrezzato particolarmente esposto, ha messo male un piede scivolando nel vuoto. Il compagno, che lo seguiva una decina di metri più dietro, si è affacciato e lo ha visto in fondo al precipizio. Subito è tornato di corsa sui suoi passi per dare l'allarme, poichè nel luogo dell'incidente non c'era copertura telefonica. Il 118 ha inviato l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore e due squadre del soccorso alpino di Belluno e Agordo. L'eliambulanza ha effettuato una ricognizione e individuato il corpo a circa 1.100 metri di quota, sotto Punta delle Antenne. Dopo essere stato caricato con un verricello di 27 metri insieme al tecnico del soccorso alpino di turno con l'equipaggio, il medico ha solamente potuto constatare il decesso dell'uomo, dovuto ai traumi subiti nella caduta. Ottenuto il nulla osta dalla magistratura per la rimozione, la salma è stata imbarellata e recuperata utilizzando un gancio baricentrico di 35 metri. Trasportata a valle, è stata quindi affidata al carro funebre diretto alla cella mortuaria.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata