Embraco, dipendente s'incatena ai cancelli della fabbrica: "Chiedo aiuto a Calenda"
Daniele Simoni, da 25 anni operaio di Embraco nell'azienda di Riva presso Chieri, si è incatenato ai cancelli della fabbrica in segno di protesta contro gli imminenti licenziamenti e lo spostamento della produzione in Slovacchia. "Mi sono fatto legare per dimostrare che non molliamo fino alla fine dei 75 giorni. Chiedo aiuto al ministro Calenda di aiutarci fino in fondo e di non mollare come non stiamo mollando noi", ha dichiarato Simoni. Intanto il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, è a Bruxelles per un incontro con la Commissaria europea per la concorrenza Margrethe Vestagher.