Emanuele Filiberto: Parassiti partigiani. Poi: Account violato
Un tweet sul suo profilo Twitter (poi cancellato) ha scatenato la rete

"I parassiti partigiani, con le loro 179 associazioni, costano al contribuente 3 milioni di euro". E' un tweet di Emanuele Filiberto di Savoia a scatenare la rete il giorno della festa del Lavoro. Un cinguettio subito dopo cancellato dal profilo e sostituito dalla spiegazione di quanto successo: "Qualcuno è entrato nel mio account e ha mandato articolo su partigiani volendo cavalcare la diatriba sulla mia visita a Noto! Mi dispiace". 

La spiegazione, però, non è bastata a placare le ire di moltissimi utenti di Twitter che hanno bersagliato Emanuele Filiberto di messaggi: "Io lo manderei a lavorare #emanuelefiliberto", scrive Cesare Brogi, mentre Tritti001 ironizza "'Mi hanno violato l'account' Is the new 'Scusate ho fatto una gran cazzata'". L'utente Marx Redivivo attacca: "Ricordiamo a #emanuelefiliberto che è la #FestadeiLavoratori e che se non fosse stato per quei parassiti saremmo ancora nel feudalesimo". 

La replica dello stesso Emanuele Filiberto non si è fatta attendere, sempre a colpi di cinguettii. "Leggo i vostri tweet... vorrei ricordarvi - scrive - il ruolo di mia nonna durante la guerra accanto ai partigiani... Studiare non fa male!". E, ancora: "Incredibile vedere la violenza di certe persone... Il rimanere bloccati su dei preconcetti storici senza voler ascoltare l'altro!".

Anche alla sezione bresciana dell'Anpi non è sfuggito il tweet incriminato. "Dall'account di @efsavoia parte un tweet - si legge sul profilo ufficiale dell'Associazione nazionale partigiani di Brescia - ingiurioso sui partigiani definiti 'parassiti'. Savoia: 'Account violato'". 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata