Due fermi in Val Susa tra i No Tav, un militante ferito

Torino, 10 set. (LaPresse) - Due persone sono state fermate in Val Susa dalle forze dell'ordine nel corso degli scontri intorno al cantiere dell'alta velocità. E' quanto fa sapere la questura mentre i No Tav, dal sito notav.info, parlano di un manifestante rimasto ferito dopo essere stato colpito da un lacrimogeno e portato via in barella e annunciano di aver tagliato decine di metri della rete che circonda il cantiere.

La questura parla di un "fitto lancio di pietre nei confronti delle forze dell'ordine nei pressi del bed & breakfast, nonché da sopra la galleria Ramats". I No Tav riportano un "fittissimo lancio di lacrimogeni verso la baita Clarea", "anche dal cavalcavia", "ad altezza uomo", "nel tentativo di colpire direttamente coloro che stanno assediando" il cantiere, e di "numerosi mezzi delle forze dell'ordine in autostrada a Oulx in direzione Susa". L'area è illuminata dai fuochi d'artificio dei militanti. Le gomme di alcuni mezzi delle forze dell'ordine, fa sapere la polizia, sono rimaste bucate, a causa del lancio di chiodi a tre punte da parte dei manifestanti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata