Droga, Corte costituzionale boccia legge Fini-Giovanardi

Roma, 12 feb. (LaPresse) - La Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della legge Fini-Giovanardi, che equipara le droghe leggere a quelle pesanti, per violazione dell'articolo 77 della Costituzione che regola la procedura di conversione dei decreti-legge.

Con la decisione della Consulta, tornano in vigore le norme contenute nel Testo unico in materia di stupefacenti e sostanze psicotrope, modificato proprio nel 2006 con l'introduzione della legge Fini-Giovanardi. In particolare, viene ripristinata la distinzione tra droghe legge e droghe pesanti, con effetto anche sulle pene per chi spaccia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata