Dopo lo sciopero via ad accordo tra Atm e comune di Milano
Siglato dopo una trattativa di sei ore a Palazzo Marino

Dopo lo sciopero del trasporto pubblico in uno dei giorni del Salone del Mobile è arrivata la tregua. Comune di Milano, l'azienda partecipata Atm e sindacati hanno raggiunto un accordo. Al tavolo della trattativa, durato sei ore a Palazzo Marino, hanno partecipato gli assessori al Lavoro e Mobilità, Cristina Tajani e Marco Granelli, e il sindaco Giuseppe Sala. L'accordo prevede la riunificazione dei servizi della mobilità come richiesto dai sindacati. "Nel documento il Comune indica la modalità del lotto unico di gara come via preferita per l'assegnazione del servizio in caso di gara - spiega in una nota Luca Stanzione, segretario generale della Filt Cgil di Milano -. L'accordo prevede anche la garanzia dell'occupazione di tutti i dipendenti Atm e degli attuali livelli retributivi della contrattazione di primo e secondo livello. Il Comune di Milano per quanto di sua competenza procederà ai conseguenti atti normativi". È stato inoltre istituito un tavolo permanente sul futuro del trasporto pubblico locale. "Un ottimo risultato - commenta Stanzione -, frutto della mobilitazione dei dipendenti Atm e della disponibilità del Comune di Milano".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata