Diciotti, Salvini indagato: "Non ci fermiamo". Sbarcati tutti i migranti dalla nave
Sequestro di persona, arresto illegale e abuso d'ufficio i reati ipotizzati. L'Albania accoglierà 20 persone, altre 100 nelle diocesi italiane

Finisce un po' prima dell'una della notte tra sabato e domenica la tormentata vicenda della nave Diciotti e del suo carico di migranti. Finisce con le persone che scendono lungo la scaletta. In fondo, funzionari di polizia procedono all'identificazione: impronte digitali, fotografia, assegnazione di un numero da 1 a 137. Trenta secondi a persona, non di più. Da questa notte la Diciotti torna a essere un glorioso "pattugliatore" della Guardia Costiera italiana dopo essersi trasformata per dieci giorni in una specie di carcere (illegale) galleggiante.

Salvini indagato - Ed è per sequestro di persona, arresto illegale e abuso d'ufficio che il ministro degli Interni Matteo Salvini si trova ad essere indagato. Non è più a carico di ignoti, infatti, l'inchiesta della procura di Agrigento sulla vicenda della Diciotti e del suo carico umano. Il procuratore Luigi Patronaggio trasmetterà infatti il fascicolo al Tribunale dei ministri di Palermo e il principale indagato è il ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata