Diaz, cosa fanno oggi i 25 poliziotti condannati per i pestaggi

Roma, 5 lug. (LaPresse) - Ecco chi sono e cosa fanno oggi i 25 agenti accusati dei pestaggi della Diaz. Giovanni Luperi: all'epoca dei fatti della Diaz era vicedirettore dell'Ugicos, ora capo del dipartimento analisi dell'Aisi, ex Sisde. Era stato accusato di falso aggravato, arresto arbitrario e calunnia. I primi due reati sono andati in prescrizione. Per il secondo è stato condannato in secondo grado e 4 anni. Stesse accuse, stessi reati, stesse condanne e stesse prescizioni per Francesco Gratteri: nel 2001 Direttore Servizio Centrale Operativo (Sco), ora capo della direzione centrale anticrimine (Dca). Gilberto Caldarozzi, vicedirettore centrale dello Sco, ora direttore. Accusato di falso aggravato e arresto arbitrario. Quest'ultimo prescritto. Il primo è stato condannato a 3 anni e 8 mesi. Stessa sorte per Filippo Ferri, capo della Mobile della Spezia ora trasferito a Firenze.

Poi, per Fabio Ciccimmarra, commissario capo a Napoli, ora capo della mobile dell'Aquila. Per Nando Dominici, capo della mobile di Genova. Per Carlo di Sarro, vice capo Digos di Genova, ora commissario a Rapallo. Per Massimo Mazzoni, Renzo Cherchi e Davide Di Novi, tutti ispettori dello Sco. Stessa condanna anche per Spartaco Mortola, il capo della Digos di Genova che meno di un mese fa è stato nominato questore. Massimo Di Bernardini era vicequestore della mobile di Roma: è stato condannato per falso aggravato a tre anni è otto mesi. E' stato riformato dalla polizia dopo un grave incidente in moto.

Vincenzo Canterini, allora comandante VII Nucleo speciale Mobile, è il poliziotto che è stato condannato a più anni: 5. Ha lasciato per limiti di età, l'accusa rimasta in piedi è per falso. A quattro anni sono stati condannati, per lesioni gravi, Fabrizio Basili, Ciro Tucci, Carlo Lucaroli, Emiliano Zaccaria, Angelo Cenni, Fabrizio Ledoti, Pietro Stranieri, Vincenzo Compagnone. Tutti erano all'interno del VII Nucleo, poi sciolto dopo i fatti della Diaz. Pietro Troiani, vicequestore addetto alla logistica della Mobile di Roma, è stato condannato a 3 anni e 9 mesi, per detenzione armi da guerra (molotov) e calunnia. Tre anni e otto mesi per Massimo Nucera e Salvatore Gava: entrambi nel VII Nucleo. Gava ha lasciato la polizia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata