Dell'Utri resta agli arresti: "Detenzione in ospedale non lede diritti umani"
Respinta l'istanza dei legali dell'ex senatore Forza Italia

Per il tribunale di sorveglianza di Roma, "le attuali condizioni di detenzione di Marcello Dell'Utri non ledono i diritti umani". Con queste parole i giudici hanno respinto l'istanza presentata la scorsa settimana dai legali dell'ex senatore di Forza Italia, attualmente ricoverato in regime di detenzione presso il Campus Biomedico di Roma per curare il tumore da cui è affetto.

Dell'Utri dal 14 febbraio scorso è ricoverato presso la struttura ospedaliera, "piantonato h24, in una stanza illuminata anche di notte, dove non può aprire la finestra", avevano denunciato i legali Alessandro de Federicis e Simona Filippi davanti ai giudici, sottolineando che tali condizioni non solo non permettevano cure adeguate, ma mettevano a rischio i diritti umani di base.

Dell'Utri condannato nel 2014 a 7 anni per concorso esterno alla mafia, si era già visto negare due volte dal tribunale di sorveglianza di Roma la sospensione della pena chiesta per motivi di salute.

L'ex senatore è malato di tumore alla prostata e affetto da cardiopatia e diabete, e tornerà in carcere a Rebibbia il 18 aprile prossimo al termine del ciclo di radioterapia cui viene sottoposto in questi giorni.

Anche la Corte europea dei diritti dell'uomo ha respinto la richiesta di sospensione della pena per motivi di salute, che era stata presentata prima del suo trasferimento nel Campus Biomedico.

Secondo quanto riporta una consulenza dell'ex presidente della Società italiana di psichiatria Claudio Mencacci depositata dai difensori, le condizioni in cui è ricoverato potrebbero rappresentare un pericolo ulteriore per la sua salute: "Il rischio - sottolinea Mencacci - è di applicare ad una persona anziana e gravemente malata una limitazione non comprensibile ed eccessiva che sta cominciando a produrre una reazione di sfinimento emotivo che potrebbe elicitare risposte di tipo depressivo ed ansioso ancora più marcate di quelle attuali".

E gli esperti del Campus Biomedico affermano che il tumore da cui è affetto è peggiorato e sottolineano nella cartella clinica: "È diventato impattante sull'aspettativa di vita del paziente e dimostra al momento una priorità terapeutica non più demandabile".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata