Delitto Olgiata: 16 anni al maggiordomo filippino Winston

Roma, 14 nov. (LaPresse) - Il gup romano Di Lauro ha inflitto 16 anni di condanna al filippino Emanuel Winston accusato dell'omicidio della contessa Alberica Filo della Torre avvenuto nel luglio del 1991n all'Olgiata.

La sentenza è del gup Massimo Di Lauro che ha dichiarato il 'non doversi procedere' nei confronti del filippino per il reato di rapina perché estinto per prescrizione. Il pm Maria Francesca Loy, nella precedente udienza, aveva chiesto una condanna dell'imputato all'ergastolo. Alla lettura della sentenza, il filippino non ha fatto alcun commento con i suoi difensori e ha lasciato il palazzo di giustizia in manette scortato da due agenti di polizia penitenziaria. E neanche i familiari della vittima, il marito Pietro Mattei e i figli Manfredi e Domitilla, hanno voluto rilasciare dichiarazioni alla fine dell'udienza.

Per Manuel Winston Reyes la richiesta del pm Francesca Loy era stata ergastolo. La condanna a 16 anni di reclusione è stata inflitta all'ex filippino per il solo omicidio della contessa Alberica Filo della Torre. Il gup Massimo Di Lauro ha infatti dichiarato la prescrizione dell'altro reato contestato al filippino, cioè quello di rapina.

"Si è chiusa vicenda drammatica. Siamo soddisfatti ma anche stupiti per la mitezza della sentenza dovuta in buona parte alla scelta del rito abbrevviato". Così Giuseppe Marazzita, legale di Mattei, marito della contessa Alberica Filo della Torre, commenta la sentenza del gup romano che ha condannato l'ex filippino Manuel Winston a 16 anni per la morte della contessa uccisa nel 1991. Il marito della vittima è andato via senza rilasciare dichiarazioni. In aula presenti per la prima volta i figli della contessa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata