De Giorgi lascia vertici marina: Condizionati da interessi occulti
L'ammiraglio è indagato nell'inchiesta di Potenza sull'impianto di Tempa Rossa

"La nostra navigazione non è stata sempre calma. Sapete a cosa mi riferisco. Gli attacchi contro di me non meritano attenzione oggi. Soprattutto non la meritano i corvi e gli interessi occulti che hanno diffuso dossier anonimi per tentare di condizionare il futuro della marina". Così l'ammiraglio Giuseppe De Giorgi, indagato nell'inchiesta di Potenza sull'impianto di Tempa Rossa, questa mattina ceduto il passo al nuovo capo di Stato maggiore della marina, l'ammiraglio Valter Girardelli. Il lungo discorso è stato tenuto alla presenza dei ministri della Difesa, Roberta Pinotti, e dell'Interno, Angelino Alfano.

"Ciò che invece voglio sottolineare con gratitudine e affetto - ha aggiunto - è il sostegno morale che mi avete dato in questi mesi e che e' stato determinante per non cedere, per non arrendermi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata