Crisi, Coldiretti: Sequestri gdf olio contraffatto +300% dal 2008

Roma, 24 lug. (LaPresse) - Dall'inizio della crisi sono quadruplicate le frodi nel settore degli oli e dei grassi con un incremento record del 300 per cento dal 2008 al 2013 del valore dei sequestri di questi prodotti perché adulterati, contraffati o falsificati. E' quanto rileva la Coldiretti in occasione della brillante operazione 'Aliud pro olio', condotta dal Guardia di Finanza di Andria che ha portato a 16 arresti e al sequestro preventivo di 15 aziende, con l'apposizione dei sigilli a circa 400 tonnellate di olio di oliva comunitario trasformato in 'olio 100% italiano biologico', ma dalle qualità organolettiche scadenti o contaminate.

Prosegue dunque la battaglia delle forze dell'ordine contro le speculazioni e le falsificazioni ai danni dell'olio d'oliva made in Italy che, nel 2013 - sottolinea la Coldiretti - sulla base della preziosa attività svolta dai carabinieri dei Nas ha consentito sequestri nel settore degli oli e grassi per 8,4 milioni di euro con 125 segnalate all'autorità giudiziaria e ben 502 segnalate all'autorità amministrativa, a fronte di 39.308 controlli che hanno consentito di individuare ben 13.255 non conformità. In altre parole - precisa la Coldiretti - illegalità sono state individuare in un controllo su tre. Le truffe a danno del vero olio italiano sono addirittura diventate fumetti illustrati sul New York Times con il titolo 'Il suicidio dell'olio italiano'.

L'escalation dei sequestri preoccupa i produttori per i gravi danni alla concorrenza - segnala la Coldiretti - e conferma la necessità di applicare le importanti modifiche alla disciplina introdotta dalla legge salva olio approvata nel febbraio 2013 sotto il pressing della Coldiretti che contiene misure di repressione e contrasto alle frodi e di valorizzazione del vero Made in Italy, ma che ancora oggi è inapplicata per l'inerzia della pubblica amministrazione e per l'azione delle lobby industriali a livello nazionale e comunitario.

Allarma i produttori - continua la Coldiretti - anche il balzo record dell'import nazionale di olio di oliva e sansa che, complice una campagna produttiva non eccezionale in Italia, ha sfiorato nei primi quattro mesi dell'anno le 227mila tonnellate, in aumento del 34 per cento sullo stesso periodo dello scorso anno sulla base dei dati Ismea. Nel dettaglio l'Italia ha più che quadruplicato gli acquisti di olio proveniente dalla Spagna, passati dalle 46 mila tonnellate del primo quadrimestre 2013 alle 200 mila attuali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata