Crema, donna si dà fuoco in strada e muore. Sindaca: Grave se passanti filmano invece di aiutare

"Interroghiamoci tutti, cosa siamo diventati", si chiede la prima cittadina Stefania Bonaldi

Una donna si è data fuoco per strada al Campo del mezzo a Crema. Un passante è sceso dalla sua auto e ha cercato di spegnere le fiamme con un asciugamano, aiutato poi da un'altra persona arrivata con un estintore. Il soccorritore ha raccontato che intanto altre persone con il cellulare in mano sono rimaste nel parcheggio del Mezzo senza intervenire.

E' stata la sindaca di Crema Stefania Bonaldi a pubblicare su Fb il racconto dell'uomo, commentando che "se gli spettatori di questa tragedia hanno avuto la freddezza di prendere il telefonino e immortalare la scena, anziché correre in aiuto o chiamare i soccorsi, allora dobbiamo farci delle domande. Serie e molto, molto urgenti.

"Cosa siamo diventati?". "Interroghiamoci tutti, cosa siamo diventati", aggiunge Bonaldi.

Questo il racconto del soccorritore postato dalla sindaca che lo ha ricevuto da lui: "Buongiorno, Una donna poco fa, al campo del Mezzo, si è data fuoco. Mentre passavo con mia moglie sono sceso subito dall'auto e ho cercato di spegnere quello che potevo con un asciugamano da palestra.

La signora bruciava nel campo di fronte e io ero l'unico che cercava di fare qualcosa. In compenso una ventina di persone con il telefonino, che riprendevano la scena. Dopo minuti e minuti si è avvicinato uno con un estintore che non sapeva cosa fare. Ho spento tutto con l'estintore. La signora penso sia morta, nonostante io continuavo a parlare cercando un respiro... alla fine i soccorsi sono arrivati dopo 15 minuti... ho provato anche io il 113-112 e rimanevo in attesa.Non so se si sarebbe salvata".

Il resoconto del soccorritore prosegue nel descrivere il fatto avvenuto nella cittadina lombarda del cremonese, nel Campo del Mezzo dove sono poi intervenuti anche i vigili del fuoco: "Ma la gente con il telefonino dal parcheggio del Mezzo mi ha lasciato di sasso. Sono arrivati solo alla fine. Quando ormai avevo spento tutto.. per curiosità! Si parla di un essere umano, ma quelle persone con il telefonino cosa facevano, riprendendo???? Se fossi passato un paio di minuti prima, forse l'avrei salvata". Il messaggio alla sindaca prosegue così nell'indignazione: "Scrivo a lei perché è il primo cittadino di Crema e questo evento è successo nella sua, Nostra, città. So che lei non può far nulla... ma ho pensato a lei come primo cittadino per avvisarla per prima. Ho scritto a lei perché magari alcuni messaggi arrivano più forti dalla sua carica...Mi è spiaciuto che nessuno abbia avuto l'idea di intervenire prima...".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata