Cosenza, sequestrato oltre mezzo quintale di pesce nocivo
Operazione della guardia di finanza nei confronti di un venditore ambulante

Pesce conservato in condizioni pessime, tenuto in parte dentro cassette esposte direttamente allo smog in strada, e in parte in contenitori fuori dalle celle frigorifero. Questo il risultato del controllo effettuato dalla guardia di finanza di Cosenza nei confronti di un venditore ambulante, privo di licenza commerciale per la vendita. Il sequestro di oltre mezzo quintale di pesce altamente nocivo per la salute, e sprovvisto di documentazione sanitaria ed etichettatura sulla tracciabilità prevista dalla legge, è stato possibile anche grazie alle autorità sanitarie, che hanno constatato le cattive condizioni del pesce destinato al consumo alimentare e ne hanno disposto l'immediata distruzione.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata