Cosenza, caporalato in centri accoglienza migranti: arresti
I rifugiati venivano sfruttati nei campi per 20 euro al giorno

Sfruttamento dei rifugiati ospitati nei centri di accoglienza. Con questa accusa i carabinieri di Cosenza questa mattina stanno eseguendo 14 misure cautelari, di cui 2 custodie cautelari in carcere, 4 arresti domiciliari, 8 obbligo di dimora. I destinatari sono considerati responsabili di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, abuso d'ufficio e tentata truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Le indagini sono iniziate a settembre dell'anno scorso. Gli elementi raccolti dai carabinieri hanno permesso di accertare che i rifugiati, principalmente senegalesi, nigeriani e somali, venivano prelevati da due Centri di accoglienza straordinaria di Camigliatello Silano (osenza) e portati a lavorare in campi di patate e fragole dell'altopiano della Sila cosentina o impiegati come pastori per badare agli animali da pascolo

In particolare, il presidente e due responsabili della gestione di un Centro di accoglienza straordinaria sono accusati di aver illecitamente reclutato i rifugiati a loro affidati per essere impiegati in nero come braccianti e pastori in numerose aziende agricole del luogo, in concorso con i titolari di quest'ultime. I responsabili del Cas dovranno anche rispondere della manipolazione dei fogli presenza dei rifugiati, che venivano dati come presenti nel tentativo di ottenere i finanziamenti previsti dalla legge a sostegno della struttura di accoglienza.

Il fenomeno ha riguardato complessivamente una trentina di rifugiati che sono stati sfruttati in nero per somme oscillanti tra i 15 e i 20 euro per una giornata lavorativa di 10 ore.   

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata