Coronavirus, Escort Advisor: 44% clienti cerca incontri, meno del 30% sex workers al lavoro

Torino, 14 mag. (LaPresse) - "Con la Fase 2 del Coronavirus anche il settore del sesso a pagamento inizia a rimettersi in moto, ma con una tendenza inaspettata". Lo rende noto Escort Advisor, il sito di recensioni di escort con oltre 2 milioni di utenti mensili solo in Italia, che ha condotto un sondaggio anonimo tra i propri utenti per capire quali saranno i comportamenti degli amanti del sesso a pagamento. Al momento "la domanda dei clienti supera nettamente l'offerta delle escort, che rimangono ancora caute".

Dal sondaggio tra i clienti emergono comportamenti che possono indicare l'evoluzione del settore nel post Covid 19. Il 38% dei partecipanti ha dichiarato che porrà più attenzione dopo questa crisi a foto credibili e veritiere, mentre il 30% alle informazioni di altri clienti sulle professioniste, utilizzando ad esempio le recensioni.

"Il 48% porrà meno attenzione al prezzo, preferendo la sicurezza e la qualità. Infatti, il 58%, nel tornare agli incontri, è preoccupato dalla garanzia di salute della ragazza, ma risolve questo problema attraverso le informazioni degli altri clienti e la professionalità della sex worker. Il 44% dichiara che tornerà a visitare le escort non appena sarà possibile uscire in libertà e questo si evidenzia dai dati rilevati la scorsa settimana, dal 4 maggio, inizio della Fase 2", sottolinea Escort Advisor.

Rispetto al periodo precedente della Fase 1, dal 4 all'8 maggio, si è registrato un incremento delle ricerche giornaliere su Google del tema "escort+città" (es. "escort Milano") del +58%.

In aumento la ricerca su Google della parola chiave "recensioni escort" che ha registrato un +46%.

Le visite giornaliere al sito Escort Advisor hanno subito un rialzo del +27%. Anche il numero delle recensioni scritte sul sito dal 4 maggio, con la ripresa degli incontri, sono tornate ad aumentare rispetto al periodo di lockdown con un'impennata del +93%.

La crescita del numero di annunci di sex workers presenti su tutti i siti dedicati online sta invece aumentando lentamente. "Meno del 30% delle escort che normalmente sono attive durante questo periodo dell'anno sono tornate in attività la scorsa settimana. Nella fase centrale del lockdown di metà aprile, il livello degli annunci presenti su tutti i siti dedicati era sceso del -94%, mentre nella prima settimana di maggio si è arrivati al -72%", fa sapere Escort Advisor.

Camilla, escort di Roma, racconta: "Non ricevo e faccio ancora solo videochat. I nuovi clienti prevalentemente chiamano per avere informazioni, quelli affezionati invece mi mandano messaggi per sapere come sto. Questo si è intensificato dal 4 maggio. Molti iniziano a non fidarsi più delle videochat perchè hanno paura delle truffe pagando in anticipo, ma anche noi non siamo tranquille a farci pagare dopo. La cosa che più mi preoccupa è che il 70% dei clienti nuovi che chiamano chiedono tutti di fare cose scoperte, senza preservativo e addirittura volendo baciare in bocca.I clienti seri non vengono invece, hanno ancora paura".

"Escort Advisor indicizza gli annunci pubblicati sui principali siti di escort in Italia per verificare i numeri recensiti dai propri utenti ed è il primo sito di recensioni di escort in Europa, in Italia ha oltre 2 milioni e 300 mila utenti al mese ed è tra i primi 40 siti più visitati in assoluto", sottolinea Escort Advisor, che è attivo inoltre in Spagna, Germania e UK.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata