Coronavirus, a Rimini e provincia stop quasi totale attività economiche

Milano, 20 mar. (LaPresse) - Nuove e ulteriori misure di prevenzione e contrasto alla diffusione del coronavirus nell'intero territorio della provincia di Rimini. Le prevede l'ordinanza firmata questa sera dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.

L'atto si articola su tre pilastri di fondo. Sospensione pressoché generalizzata della attività economiche, ad esclusione di quelle essenziali o che autolimitino i contatti fra le persone al proprio interno; il rafforzamento dello stop a tutte le attività sociali per assicurare efficacemente il contenimento e il distanziamento sociale e un riassetto complessivo della mobilità della provincia che punta a potenziare i controlli sulle regolarità degli spostamenti delle persone all'interno dei criteri fissati dal Decreto governativo dello scorso 8 marzo (solo motivi comprovati di lavoro, salute o necessità essenziali).

L'ordinanza arriva dopo la relazione inviata in Regione dal direttore generale della Ausl di Romagna che chiede un intervento straordinario in tema appunto di "contenimento e distanziamento sociale" nel territorio provinciale alla luce della "preoccupante evoluzione epidemiologica del Covid-19 nei territori dei due Distretti sanitari di Rimini". Una situazione che rischia di mettere "in gravissima difficoltà i presidi ospedalieri dell'intera area riminese".

Inoltre, alcuni territori comunali della provincia (Cattolica, San Giovanni in Marignano, Riccione, San Clemente, Morciano di Romagna, Misano Adriatico), caratterizzati da una particolare incidenza di contagio calcolata nel rapporto tra popolazione e positivi al virus, sono confinanti con il territorio della provincia di Pesaro e Urbino con il quale, per ragioni lavorative, esiste una assidua mobilità di interscambio, provincia confinante che a sua volta presenta un numero di positivi al virus altrettanto importante e in costante aumento.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata