Corona, pg: "Deve tornare in carcere, ha diffamato un magistrato"
L'ex paparazzo aveva detto che il giudice della sua vicenda non aveva "capito un c...."

A Fabrizio Corona deve essere revocato l'affidamento terapeutico e deve tornare in carcere. É stato irremovibile il sostituto pg Antonio Lamanna, che ha chiesto che l'ex fotografo dei vip torni a San Vittore nel corso dell'udienza, che si è svolta a porte chiuse, davanti al Tribunale di Sorveglianza. Corona e i suoi legali, gli avvocati Ivano Chiesa e Luca Sirotti, hanno cercato per oltre due ore di spiegare, anche con veemenza, le loro posizioni e in aula non sono mancati momenti di tensione.

Per il sostituto pg, però, sono state "diffamatorie" le parole con cui Corona si è rivolto al sostituto pg Maria Pia Gualtieri al termine della prima udienza del processo d'appello per i 2,6 milioni trovati in parte nel controsoffitto e in parte in banca in Austria. L'ex agente fotografico, infatti, lasciando il Tribunale il 5 giugno aveva detto che il magistrato della sua vicenda non aveva "capito un c...." perchè aveva sollecitato una condanna a 2 anni 9 mesi per tutti reati contestati. In primo grado l'ex re dei paparazzi era stato condannato a un anno per reati fiscali, mentre erano cadute le altre accuse, tra cui quella più pesante di intestazione fittizia di beni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata