Corona in aula: "Ho pagato oltre 8 milioni di tasse, più di Formigoni"
L'ex re dei paparazzi è indagato anche per riciclaggio in Austria

Dal 2010 "ho pagato oltre 8 milioni di euro di tasse. Chi tra chi è in galera ha pagato così tanto? Neanche Mantovani o Formigoni, che in galera non ci andrà mai". Si è difeso così Fabrizio Corona, che questa mattina ha fatto dichiarazioni spontanee nel corso dell'udienza davanti alla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano per il sequestro degli 1,7 milioni di euro trovati nel controsoffitto della casa della sua collaboratrice Francesca Persi, degli 860 milioni depositati in due cassette di sicurezza in Austria e della casa di via De Cristoforis, 13 dove Corona abitava prima di essere arrestato nell'ottobre del 2015.

"Vorrei sapere chi ha mai pagato un euro dal carcere?", ha aggiunto Corona. "Sono in galera dal 2010 e mi sono accollato anche le tasse di Fenice (la società dell'ex re dei paparazzi, poi fallita, ndr). In tutto quest'anno ho pagato 8,28 milioni di euro". Corona ha ribadito anche la provenienza "lecita" di quelle somme, dicendo di aver pagato in tutto "9 milioni" di tasse e attaccando anche l'ex governatore lombardo e Mantovani, ex 'numero due' del Pirellone, coinvolti in procedimenti giudiziari a Milano. Parole che hanno indotto i giudici a chiedere all'ex re dei paparazzi di calmarsi, com'era già avvenuto diverse volte nel corso dei processi a suo carico.

Nel corso del processo, inoltre, si è saputo che i pm della Dda hanno presentato ricorso in appello contro la sentenza della prima sezione penale di Milano, che ha condannato a un anno Corona per reati fiscali ma ha fatto decadere le accuse principali, tra cui quella di intestazione fittizia di beni. L'ex re dei paparazzi, inoltre, è indagato per riciclaggio in Austria. Dopo Corona, hanno preso la parola i suoi difensori, gli avvocati Ivano Chiesa e Luca Sirotti, che hanno chiesto ai giudici di acquisire documenti e testimonianze raccolte nel corso del processo davanti alla prima sezione penale e di sentire nuovi testi per quanto riguarda la casa di via De Cristoforis. I giudici si sono ritirati in camera di consiglio per prendere una decisione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata