Confiscati beni per oltre 500mila euro a capo ultras Juventus
Nei guai Andrea Puntorno, leader dei 'Bravi ragazzi', arrestato nel 2014 per traffico internazionale di droga

I carabinieri della Compagnia Torino Oltre Dora, in collaborazione con i colleghi di Agrigento, hanno notificato ed eseguito un decreto di sottoposizione alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale  e la confisca di beni emesso dal Tribunale di Torino - sezione misure di prevenzione -  nei confronti di Andrea Puntorno, 38 anni,  attualmente sottoposto alla misura dell'obbligo di dimora nel comune di Agrigento, leader dei 'Bravi ragazzi' (gruppo ultras della Juventus) arrestato nel novembre 2014 per traffico internazionale di droga. In totale sono stati sequestrati una moto Triumph Street Triple, del valore di 7.500 euro, un immobile a Torino, del valore di  300mila euro e un immobile ad Agrigento, del valore di 200mila euro.

Il provvedimento è complementare  alle attività investigative inerenti sia il traffico di droga (novembre 2014) sia l'estorsione (giugno 2015[3]) che hanno avuto come protagonista l'uomo. Le indagini patrimoniali hanno dimostrato che nella disponibilità dell'indagato e del suo nucleo familiare vi erano alcuni  beni, tutti sottoposti a confisca, il cui possesso era ingiustificato. E' stata accertata la sproporzione tra reddito dichiarato e patrimonio posseduto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata