Cielo nuvoloso e pioggia: il meteo di giovedì 10 e venerdì 11 maggio
Le previsioni dell'aeronautica militare

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare per giovedì 10 maggio.

Nord: molte nubi sulle aree alpine, prealpine centro occidentali e sulle zone dell'Appennino tosco-emiliano, con precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale; molte nubi anche sull'Appennino ligure con temporali diffusi. Miglioramento atteso dalla sera su tutte le zone. Rovesci sparsi durante la mattinata su Piemonte e Lombardia. Velature spesse e diffuse sul resto del territorio, in parziale dissolvimento.

Centro e Sardegna: cielo molto nuvoloso o coperto sulle regioni tirreniche, Sardegna e sul settore appenninico con rovesci e temporali diffusi. Parzialmente nuvoloso sul settore adriatico con nubi in rapido aumento con fenomeni temporaleschi diffusi specie sulle aree montuose. Generale attenuazione dei fenomeni e della nuvolosità dalla sera.

Sud e Sicilia: addensamenti al mattino su Campania e Sicilia con prime precipitazioni sparse dalla mattinata; locali addensamenti pomeridiani altrove, con piovaschi sparsi sul Molise, Calabria tirrenica e sulla Puglia salentina e garganica.

Temperature: massime in aumento sulle regioni peninsulari meridionali; in leggera flessione al centro. Minime in leggera diminuzione un po su tutte le regioni.

Venti: deboli occidentali al centro sud, con locali rinforzi sulla Sardegna e Sicilia occidentale. Deboli variabili al settentrione.

Mari: molto mosso il mare di sardegna; poco mosso l'Adriatico e lo Ionio; mossi i restanti bacini; moto ondoso in aumento sul Tirreno centrale est.

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare per venerdì 11 maggio.

Nord: al primo mattino addensamenti compatti sulle aree alpine e prealpine, con qualche locale debole piovasco sulle regioni occidentali; poco nuvoloso sul resto del settore. Dalla seconda parte della mattinata generale aumento della nuvolosità cumuliforme sulle aree appenniniche, con rovesci o temporali sparsi su tutte le aree montuose. Dal pomeriggio estensione della nuvolosità cumuliforme anche al resto del settore, con associati rovesci o temporali da spari a diffusi, in successiva generale attenuazione serale.

Centro e Sardegna: al primo mattino addensamenti compatti sulle regioni tirreniche e poco nuvoloso sul resto del settore. Dalla seconda parte della mattinata aumento della nuvolosità cumuliforme sulle regioni tirreniche peninsulari e sulle aree interne delle regioni adriatiche, con rovesci o temporali sparsi dalla tarda mattinata; ancora poco nuvoloso o velato sul resto del settore. Nel pomeriggio la nuvolosità compatta ed i fenomeni si concentreranno prevalentemente lungo le aree interne delle regioni peninsulari, con ancora fenomeni temporaleschi da sparsi a diffusi, leggermente più intensi a ridosso degli Appennini. Dalla serata generale attenuazione dei fenomeni ma con ancora addensamenti compatti lungo le aree interne delle regioni tirreniche peninsulari, mentre sul resto del settore il cielo sarà poco nuvoloso.

Sud e Sicilia: al primo mattino cielo molto nuvoloso sulla Campania, aree interne del Molise, Sicilia, Calabria e Basilata tirreniche, con al più locali deboli piovaschi lungo le aree costiere; poco nuvoloso sul resto del settore. Dalla seconda parte della mattinata generale aumento della nuvolosità cumuliforme sulle regioni tirreniche e sulle aree interne di quelle adriatiche, con associati rovesci o temporali sparsi, in successiva generale attenuazione serale.

Temperature: minime in lieve flessione su Sardegna occidentale, regioni centrali tirreniche peninsulari e sulla Campania; in tenue rialzo al nord-ovest, sulla restante catena alpina, nonchè su Calabria, Sicilia e Basilicata; stazionarie o in lieve aumento altrove; massime in diminuzione su Friuli-Venezia Giulia e Veneto orientale, senza variazioni di rilievo su Piemonte e Liguria occidentali, Calabria tirrenica e Sicilia; in aumento sul resto del paese, più marcato sulla Sardegna.

Venti: deboli di direzione variabile, con prevalenza del regime di brezza, ma con locali rinforzi dai quadranti settentrionali sulla parte meridionale delle due isole maggiori e sulle aree ioniche.

Mari: molto mossi nella mattinata il mare e canale di Sardegna e le bocche di Bonifacio, ma con moto ondoso in successiva attenuazione; mossi lo stretto di Sicilia, lo Ionio ed il basso Adriatico; da poco mossi a mossi il mar Ligure ed il restante Tirreno; poco mosso l'Adriatico centrosettentrionale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata