Christo: Con 'The floating piers' 1,5 milioni hanno camminato su acqua
Tanta gente "porterà l'opera d'arte con sé per tutta la vita"

"Tutto finisce nella vita. I progetti esistono per un momento molto, molto breve. Nessuno può possederli. Nemmeno io, nemmeno il creatore. L'opera d'arte non è 'The floating piers', durata 16 giorni, ma è il viaggio. Chi ha camminato porterà l'opera d'arte con sé per tutta la vita. L'installazione è stata visitata da 1,5 milioni di persone in due settimane". Queste le parole dell'artista Christo, ideatore di 'The floating piers' sul Lago d'Iseo, dal palco della cerimonia d'apertura della conferenza generale Icom (International council of museums) al Mico di Milano.

"Conoscevo già il lago, è il terzo dei laghi più grandi del nord Italia. Ci sono circa duemila persone che vivono sull'isola, a Monte Isola, e non c'è un ponte che collega l'isola alla terraferma. Una volta scelto il lago, io e Jeanne Claude dovevamo chiedere i permessi, i permessi sono sempre l'aspetto più complicato e abbiamo chiesto a un nostro amico. Abbiamo realizzato una passerella da Montisola a Sulzano e poi tre chilometri di molo. Le persone potevano usare il traghetto, ma per queste due settimane le persone di Monte Isola potevano camminare sull'acqua".

"Le nostre opere non sono sculture, non sono pitture. Non ero sicuro che le persone avrebbero camminato, ma 1,5 milioni di persone hanno camminato 'da nessuna parte'. Non andavano a comprare qualcosa al centro commerciale, erano lì sulla passerella, non c'era niente attorno a loro se non l'acqua, loro stessi e il riflesso dell'acqua. Sono opere più grandi della nostra immaginazione: ecco perché ci piace farle", ha confidato.

E ancora: "L'isola di San Paolo è stata per la prima volta collegata grazie a dei pontili con Monte Isola. La cosa innovativa e insolita di questo progetto è che non ci sono barriere, protezioni tra le persone e l'acqua, profonda 90 metri". L'artista americano di origini bulgare ha poi fornito alcuni numeri: "Ci sono 220mila cubi 50X50, collegati attraverso delle enormi viti, alla base del nostro progetto, e 190 ancore sono state installate nel fondo dal lago dai sommozzatori. Il lago è stato un sito di lavoro spettacolare, forse il migliore in cui abbiamo lavorato. Il lavoro è durato da dicembre 2015 a maggio 2016".

"Io non darei un centimetro - ha sottolineato Christo - della libertà dei progetti. Sono assolutamente irrazionali e inutili, il mondo non ha bisogno di musei impacchettati o di altre opere. Tutti sono sovvenzionati da me. Il nostro progetto è la nostra decisione. Questi progetti sono espressione di una libertà assoluta. Qualcuno ci aveva detto che eravamo stupidi a non far pagare il biglietto, ma ho 81 anni e posso permettermi di fare un progetto in totale libertà".

"La bellezza e la gioia sono al centro dei nostri progetti, anche se oggi non sono più di moda. L'arte moderna riguarda la propaganda religiosa, ambientalista. Io vengo da un Paese comunista e sono allergico alla propaganda. Io voglio arte che sia gioia e bellezza fino alla fine della mia vita", ha concluso l'artista.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata