Cent'anni dalla nascita di dalla Chiesa, gli auguri della figlia su Instagram
Cent'anni dalla nascita di dalla Chiesa, gli auguri della figlia su Instagram

A Saluzzo la cerimonia con il ministro Guerini, svelato il francobollo dedicato al generale

“27 settembre 1920 - 27 settembre 2020. 100 anni. Auguri papà”. Lo ha scritto su Instagram Rita dalla Chiesa in occasione del centenario della nascita del generale Carlo Alberto dalla Chiesa postando una foto di un girasole. Nelle stories la giornalista e conduttrice tv ha pubblicato un’immagine della sua infanzia accanto ai fratelli Nando e Simona e un ritratto del papà con scritto ‘Auguri generale’. 

L'intervista a Domenica In

Il generale dalla Chiesa fu ucciso a Palermo il 3 settembre 1982 con la moglie Emanuela Setti Carraro e l'agente della Polizia di Stato Domenico Russo. Oggi Rita dalla Chiesa è stata ospite a "Domenica In" dove ha presentato il libro "Il mio valzer con papà". Visibilmente emozionata, dalla Chiesa ha raccontato le paure e i dubbi prima di pubblicare il libro: "Puoi scrivere di te stessa quanto ti pare, ma quando vai a toccare gli affetti familiari, e fai tornare un uomo così importante in ambito familiare, non è facile. Oggi è il compleanno di papà. Anche se me lo hanno portato via prima, per me oggi è sempre il compleanno di papà" ha spiegato in trasmissione. "Ognuno nella storia di mio padre può rivedere una parte della sua storia, della storia d'Italia. Avevo pudore a scrivere - ha aggiunto - ma poi mi sono detta, perché non ringraziare le tante persone che continuano ad amarlo? Come si fa a non amare un papà così?".

Dalla Chiesa si è lasciata andare anche ai ricordi personali: "Non è stato facile vivere con un papà così, ma quando sei così orgogliosa di tuo padre, la paura l'avverti meno. Io non ho avuto molta paura, forse era incoscienza. Ma specialmente nel periodo degli anni di piombo, delle Brigate rosse, la paura c'era. Milano, Genova e Torino sono tornate a respirare quando papà ha sconfitto le Brigate rosse. Ma alla nostra famiglia è costato molto. Mia sorella in una notte fu costretta ad andare da Torino in Calabria".

Infine, momenti di grande commozione all'arrivo in studio di due degli uomini di dalla Chiesa, che ricordano i "quasi 10 anni della nostra vita" trascorsi al fianco del generale. "Era una persona di una altissima professionalità, e vedeva molto lontano", racconta 'Trucido', nome in codice di uno dei militari. "Lui ci insegnava, ci aiutava, ci difendeva, e questo è molto importante. E grazie a lui siamo riusciti a sconfiggere questo male che stava terrorizzando la nazione", ha aggiunto ricordando gli anni di piombo.

Il ricordo e le commemorazioni

Alla fine della cerimonia che si è tenuta a Saluzzo per ricordare il generale dalla Chiesa, alla presenza del ministro della Difesa Guerini, è stato svelato e annullato un nuovo francobollo realizzato da Poste Italiane a lui dedicato. "Da cittadino prima ancora che da Ministro è per me un privilegio, oltreché un dovere, essere con voi oggi per celebrare i 100 anni dalla Sua nascita - ha dichiarato Guerini - e inaugurare l'opera d'arte che la cittadinanza di Saluzzo e le Sue Istituzioni hanno voluto tributare al loro illustre concittadino”. 

Si terrà invece lunedì 28 settembre alle ore 10, alla Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma in via Aurelia 511, la commemorazione del centenario della nascita del Generale Carlo Alberto dalla Chiesa alla presenza del Comandante Generale dell’Arma Giovanni Nistri.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata