Catania, truffa all'Inps per 1,5 milioni: 377 denunciati
Operazione 'Tarocco' della Finanza contro indennità indebitamente erogate

 E' stata scoperta a Catania una truffa all'Inps per 1,5 milioni di euro. La guardia di finanza catanese, nel corso dell'operazione 'Tarocco' ha scoperto una truffa ai danni dell'Ente previdenziale per indennità indebitamente erogate. L'indagine è nata dal monitoraggio delle aziende agricole con un elevato numero di dipendenti assunti nella stagione della raccolta delle arance. I controlli sono stati avviati per verificare se la manodopera fosse stata realmente assunta o se invece si trattasse di assunzioni fittizie effettuare al fine di percepire le indennità previdenziali e assistenziali dell'Inps.
 

 Gli accertamenti sono stati condotti dai militari della compagnia di Caltagirone e hanno svelato l'esistenza di una associazione a delinquere composta da sei persone che hanno costituito una serie di società per mettere a segno la truffa. E' risultato che le imprese avessero assunto, tra il 2010 e il 2013, 377 falsi braccianti agricoli per un totale di circa 66mila giornate lavorative, consentendo dunque di ottenere indebite indennità previdenziali e assistenziali per circa 1,5 milioni di euro. Il controllo fiscale ha portato alla luce anche la mancata dichiarazione di 28 milioni di euro e un'evasione dell'Iva di 2,4 milioni di euro. Inoltre è emerso un 'giro' di fatture false per 52 milioni di euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata