Caso Fortuna, la figlia di Caputo: Mio padre non è un pedofilo
"Credo che Marianna Fabozzi c'entri qualcosa"

"So che tipo di persona è mio padre, lui ha fatto tanti sacrifici per la famiglia: forse ha compiuto altri reati, ma non è un pedofilo, non avrebbe mai potuto fare del male a dei bambini. Invece credo che Marianna Fabozzi c'entri qualcosa: credo lo abbia incastrato, perché mio padre voleva lasciarla". E' quanto dichiara a Pomeriggio 5, trasmissione condotta da Barbara D'Urso, Patrizia, la figlia di Raimondo Caputo, principale imputato per la morte di Fortuna Loffredo insieme alla compagna Marianna Fabozzi.

D'Urso ha mostrato anche una lettera indirizzata da Caputo a Patrizia in cui l'uomo professa la sua innocenza e ritenga di essere stato incastrato, dato che lui non avrebbe mai potuto fare del male a dei bambini.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata