Caso Ceste, il marito di Elena resta in carcere

Torino, 21 feb. (LaPresse) - Resta in carcere Michele Buoninconti, arrestato per l'omicidio della moglie Elena Ceste, la donna scomparsa un anno fa a Costigliole d'Asti e ritrovata morta nove mesi dopo a circa 800 metri da casa. Lo ha deciso il tribunale del Riesame di Torino, che, secondo quanto si apprende, avrebbe confermato i gravi indizi di responsabilità a carico di Buoninconti ma escluso la premeditazione. L'uomo si è sempre dichiarato innocente. È indagato per omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Il 16 febbraio si era svolta l'udienza del tribunale del Riesame proprio per Buoninconti. "Abbiamo ribadito i motivi alla base della richiesta di scarcerazione", avevano detto al termine dell'udienza gli avvocati Chiara Girola e Alberto Masoero, che avevano chiesto la scarcerazione per il loro assistito. Il tribunale del Riesame si era riservato la decisione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata