Caserta, estorsioni su set Gomorra :arrestati 2 affiliati a Casalesi

Caserta, 20 ott. (LaPresse) - Si è conclusa alle prime luci dell'alba un'operazione dei carabinieri di Mondragone, nel casertano, coordinati dalla dda di Napoli. In manette due affiliati al clan dei Casalesi, fazione Venosa. Per loro l'accusa di aver estorto somme di denaro (dai 300 ai 500 euro) a titolo di canone d'affitto agli inquilini che avevano occupato gli appartamenti, anche e soprattutto quelli abbandonati, del noto complesso residenziale Parco Saraceno e di aver costretto i proprietari a rinunciare alla riscossione di quanto a loro dovuto per la locazione.

L'attività d'indagine riguarda una serie di estorsioni eseguite nei confronti di normali cittadini e in molti casi di extracomunitari, spesso senza titolo di soggiorno, intimoriti con minacce anche di morte e in alcuni casi con vere e proprie aggressioni fisiche. Le indagini, inoltre, hanno consentito di ricondurre i fatti illeciti verificatisi all'interno del clan Venosa e, comunque, di ritenere questa fazione del clan autorizzata dai vertici del sodalizio. Tutti episodi che vanno avanti dal 2009 ad oggi.

I due arrestati sono stati rintracciati proprio all'interno del Parco Saraceno, che è stato sede del set del noto film 'Gomorra'. Legati al ras del Parco Saraceno, Giovanni Venosa, elemento di spicco della famiglia dei Cocchieri, da tempo trasferitosi all'interno del Parco, nel Villaggio Coppola, sono la ex convivente, Anna Iannone e Marcello D'Angelo. I tre avevano costituito una vera e propria base operativa del crimine all'interno del parco, dalla gestione degli affitti degli appartamenti, allo spaccio di droga. Proprio i traffici di stupefacente all'interno del parco hanno permesso ai carabinieri di ricostruire l'esistenza di una vera e propria agenzia immobiliare. Il clan gestiva anche l'utilizzo dell'energia elettricca all'interno degli appartamenti mediante la manomissione dei contattori dell'Enel. A supporto delle indagini vi sono state anche delle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata