Carige, gip su scarcerazione Berneschi: No pericolo reiterazione reato

Genova, 24 set. (LaPresse) - L'età avanzata di Berneschi, il suo essere oggi una figura molto nota anche in seguito all'esposizione mediatica dovuta all'inchiesta, il sequestro dei beni e il fatto che il centro fiduciario di Banca Carige sia stato commissariato sono, in sintesi, gli elementi sulla base dei quali il gip di Genova Cinzia Perroni ha deciso la scarcerazione dell'ex presidente di Banca Carige Giovanni Berneschi. Per il gip alle attuali condizioni non sussiste più il rischio di una reiterazione del reato. Tuttavia, spiega il gip nell'ordinanza, data la gravità delle ipotesi di reato l'ex presidente di Banca Carige dovrà comunque essere monitorato dalla polizia giudiziaria.

Berneschi, che si trova nella sua casa di via Felice Romani a Genova, ha preferito non incontrare i giornalisti limitandosi a un breve scambio di battute al citofono. L'ex numero uno di Banca Carige ha voluto ringraziare i pubblici ministeri Nicola Piacente e Silvio Franz "perché non sono andati in ferie come dice qualcuno ma hanno lavorato tutta l'estate consentendo che si arrivasse a questo provvedimento". A chi gli ha chiesto cosa farà ora che è tornato un uomo libero ha risposto: "Non vedo l'ora di tornare a fare il contadino".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata