Capodanno, botti vietati anche a Lampedusa

Lampedusa, 30 dic. (LaPresse) - L'Amministrazione comunale di Lampedusa e Linosa ha vietato fino al 6 gennaio 2016 l'uso di botti, petardi, razzi e qualunque altro genere di giochi pirotecnici sul territorio. La decisione emerge a seguito di oggettiva valutazione dell'annuale statistica su danni conseguenti a uso improprio dei prodotti esplodenti. L'ordinanza - si legge in una nota - è stata quindi emessa per tutelare la pubblica incolumità e la salute degli anziani, dei cardiopatici, dei malati, dei bambini, degli animali e di tutti i soggetti deboli che accusano grave stress dalla tradizione di fine anno. L'ordinanza si estende anche ai giochi di luce a incandescenza che non producono detonazione, limitatamente ai luoghi pubblici.

"Anche se di pubblica vendita, ogni anno i 'botti' causano un notevole numero di feriti su tutto il territorio nazionale - spiega la sindaca Nicolini - ed espongono i soggetti deboli a grave stress. Abbiamo quindi voluto garantire un contesto più sereno tutelando così anche il territorio di Lampedusa e Linosa, pur riconoscendo la diffusa e antica tradizione di fine anno". Deroghe potranno comunque essere concesse dall'Amministrazione comunale su richiesta scritta e motivata nel caso di particolari manifestazioni. La violazione dell'ordinanza comporta sanzioni che possono raggiungere anche l'importo di 500,00 euro oltre al sequestro del materiale pirotecnico come prescritto dalla legge.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata