Capodanno, bilancio della festa: 2 morti e 361 feriti tra cui 53 bimbi

Roma, 1 gen. (LaPresse) - Due morti e 361 feriti, tra cui 53 bimbi sotto i 12 anni. E' il bilancio complessivo degli incidenti legati ai festeggiamenti di capodanno. Il numero dei feriti complessivo - sottolinea però il Viminale - appare in forte diminuzione: furono 561 lo scorso anno. Mentre sono 92 i minorenni rimasti feriti, a fronte dei 135 complessivi dell'anno precedente (furono 76 quelli sotto i 12 anni).

Nell'ambito dei consueti controlli, le forze di polizia hanno arrestato o denunciato 261 persone, sequestrando 147 lanciarazzi, 9 armi comuni da sparo, oltre 18mila munizioni, quasi 378mila manufatti esplodenti, 128 chilogrammi di polvere da sparo e di oltre 600 detonatori.

Ma il pericolo maggiore, soprattutto per i bambini, non è ancora finito. "Un richiamo forte viene fatto - è l'appello del ministero dell'Interno - affinché si vigili anche in queste ore per evitare che eventuali botti inesplosi, lasciati incautamente per le vie, vengano maneggiati, specie dai bambini più piccoli". Già un bimbo di 11 anni, a Milano, ha perso tre dita dopo aver raccolto un petardo inesploso, ai giardinetti di via Cretese.

A perdere la vita sono stati invece un 51enne e un 49enne, entrambi in Campania. Il primo, Pasquale Zacchia, titolare di un ristorante, stava provando un fuoco d'artificio professionale all'esterno del proprio locale, a Pontelatone, nel casertano, intorno alle 18.30, con l'intenzione di vederne l'effetto per decidere se comprarne altri. Gli è scoppiato in faccia, di fronte alla moglie e al figlio di 29 anni. Portato in fin di vita all'ospedale di Caserta, è morto un'ora dopo.

Il secondo, Atonio Serino, imprenditore edile, si trovava nel giardino dell'abitazione di parenti a San Martino Sannita, frazione Cucciano, nel beneventano, a pochi chilometri da paese dove risiedeva, a Montefusco (Avellino). Durante i preparativi per far partire una batteria di fuochi pirotecnici, a ridosso della mezzanotte, è stato colpito al volto dall'esplosione di un razzo. E' morto sul colpo.

Come sempre, è Napoli la città che registra il bilancio più grave dopo la notte di capodanno: 82 feriti tra il capoluogo partenopeo e la sua provincia, fra cui una bambina di 6 anni dimessa con una prognosi di venticinque giorni per ferite da scoppio e ustioni multiple al corpo e anche agli occhi. Il più piccolo fra i feriti è un bimbo di 5 anni che ha riportato ustioni al viso ed è stato dimesso con una prognosi di cinque giorni.

A Roma sono 33 le persone rimaste ferite, una decina i casi più gravi. Un romeno di 30 anni ha riportato l'amputazione della mano sinistra in seguito all'esplosione di un petardo e un 80enne che è stato ricoverato in seguito alle ferite riportate al volto per lo scoppio di un artificio pirotecnico. A Tivoli invece sono rimasti feriti due membri della stessa famiglia, il padre 51 enne ed il figlio minorenne. Il primo che ha riportato lesioni e la perdita di 4 dita della mano destra ed il figlio con varie ustioni al viso ed alle braccia. Si tratta comunque anche per la capitale, spiegano dalla questura, di un bilancio meno grave dell'anno scorso, quando morì un 31enne e una bimba rimase gravemente ferita nell'esplosione di un appartamento nel quartiere di San Basilio.

A Poviglio, in provincia di Reggio Emilia, un 63enne artigiano è rimasto ferito: ha sparato un colpo di fucile in cortile per festeggiare il capodanno ma il colpo gli è esploso in mano. Stessa scena a Cinisello Balsamo, nel milanese, dove un uomo si è presentato stanotte intorno all'una all'ospedale Bassanini, con una ferita d'arma da fuoco a pallini alla gamba destra.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata