Caos rifiuti, Raggi lancia allarme: A Roma rischio sanitario
La sindaca annuncia: "Presenteremo una relazione sulla gestione di Ama a Cantone"

"Ci vuole coraggio a chiederci di chiudere il ciclo dei rifiuti, ci vuole coraggio a chiederci di farlo, per anni non lo avete fatto, noi lo faremo, fa parte del nostro programma". La sindaca Virginia Raggi, nell'assemblea comunale straordinaria sui rifiuti, va all'attacco e punta il dito contro le forze politiche che hanno governato Roma nel passato.

"Noi ci troviamo ad affrontare sui rifiuti a Roma una crisi sistemica con scarse risorse e tempi ridotti, con un rischio sanitario. Il sistema della  gestione dei rifiuti a Roma è ingessato, serve un tavolo istituzionale permanente con Regione, prefettura ed Ama. Domani l' assessora Muraro si recherà in Regione e si inizierà a lavorare alla creazione di questo tavolo", prosegue la sindaca.

LEGGI ANCHE Roma, assemblea capitolina difende Muraro: bocciato odg su revoca incarico

"Come possono la dirigenza Ama e le precedenti amministrazioni non avere cognizione della tempistica e della collocazione di questi impianti. Sarà materia di Cantone? Stiamo lavorando per presentare all'Anac, l'autorità nazionale anticorruzione, una relazione". "Ama ha un addetto ogni 367 abitanti, è fallita la pulizia e la raccolta", aggiunge Raggi.

"Entro dicembre 2015 si sarebbero dovuto avviare i lavori di costruzione di un eco-distretto a Rocca Cencia. Un'opera da eseguire in dodici mesi. Come siamo messi a sette mesi dalla posa della prima pietra? La gara è stata bandita, risultano due offerte ma l'anomalia è che da una parte l'eco-distretto non è previsto dal piano regionale e dall'altro che manca l'acquisizione della Via. Il cronoporgramma non può essere rispettato ed era prevedibile, tra l'altro nell'anno del Giubileo con aumento del conferimento. L'altro eco-distretto previsto da Ama risulta essere proposto da terzi. Tutto questo nel sito già stressato di Ponte Mannone, ossia Malagrotta", prosegue Raggi. 

MURARO TROPPO SCOMODA? "Non si può eccepire che" l'assessore Muraro "non sia competente, forse è diventata troppo scomoda?". "Muraro è stata consulente di Ama e lo sappiamo tutti. Fino a luglio il suo curriculum sul sito era aggiornato al 2015 e riportava che la Muraro era anche consulente. Poco prima delle dimissioni di Fortini ( ex presidente Ama, ndr  ) il curriculum è stato modificato con una versione del 2011 evidentemente non aggiornato. Tra  il 2011 e il 2012 è stata consulente di Federambiente allora presieduta proprio da Fortini" , spiega Raggi, in assemblea capitolina sulla gestione dei rifiuti nella capitale e su Ama , rispondendo a una interrogazione dei dem sull'assessore comunale all'Ambiente Paola Muraro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata