Camorra, minacce a famiglia pentito per farlo ritrattare: 4 arresti

Napoli, 30 gen. (LaPresse) - Nell'ambito di un'indagine coordinata dalla Procura di Napoli-Direzione distrettuale antimafia, i carabinieri del nucleo investigativo e della compagnia di Napoli Stella e personale della Squadra mobile di Napoli hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP, nei confronti di quattro uomini ritenuti appartenenti al clan Contini, indagati, a vario titolo, per violenza privata, violenza o minaccia per costringere a commettere un reato, intralcio alla giustizia ed estorsione, tutti delitti aggravati dal metodo mafioso. Gli indagati, negli anni dal 2012 al 2018, avrebbero avvicinato, minacciato e usato violenza nei confronti dei familiari di un collaboratore di giustizia per scoprire la località protetta dove si trovava, nonché per influenzare e far ritrattare la sua collaborazione in modo da salvaguardare gli interessi del sodalizio. I 4 avrebbero anche compiuto cinque estorsioni, di cui una nei confronti di una famiglia legata a un collaboratore di giustizia, costretta a lasciare il proprio domicilio e a consegnare l'immobile ad affiliati al clan.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata