Camorra, catturato nel napoletano il boss latitante Corrado Orefice
Voleva trascorrere il Natale con i parenti

I carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno rintracciato e arrestato a Monteruscello (Napoli) Corrado Orefice, 46enne napoletano, alias 'O cunfettar', latitante dallo scorso settembre, quando si era reso irreperibile dopo la condanna in secondo grado a 20anni di reclusione per associazione per delinquere di tipo mafioso e traffico di stupefacenti. Orefice è ritenuto l'attuale reggente del clan Vinella Grassi, gruppo camorristico che ha assunto la denominazione della zona del quartiere di Secondigliano dove gestisce uno dei più attivi mercati del narcotraffico di Napoli.

Per trascorrere il Natale insieme al boss latitante, parenti e amici la scorsa notte avevano predisposto una serie di precauzioni, con cambi di auto e di percorso, per raggiungerlo in una villetta isolata e anonima situata nel comune dell'area puteolana. Gli uomini della Squadra catturandi dell'Arma sono comunque riusciti a non perdere le tracce e a filmare ogni passaggio, fino al covo. Alle prime luci dell'alba i militari hanno circondato la casa e fatto irruzione. 'O cunfettar', accerchiato, si è arreso senza opporre resistenza.

"Il blitz che ha portato all'arresto del latitante Corrado Orefice a Monteruscello in provincia di Napoli è l'ennesimo colpo per la mala vita organizzata. È, inoltre, il frutto dell'ottimo lavoro dei nostri carabinieri che lavorano incessantemente anche nei giorni di festa per difendere la legalità e per la sicurezza dei nostri cittadini. A loro va il nostro ringraziamento e la nostra stima". A dirlo è Gioacchino Alfano, sottosegretario alla Difesa e coordinatore regionale in Campania del Nuovo centrodestra.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata