Camici Lombardia, Fontana: Male in occhi di chi guarda, negozio corretto

Milano, 27 lug. (LaPresse) - "L'inchiesta di Report è stata annunciata con toni scandalistici. La vicenda è stata divulgata dalla più diffusa disinformazione. Ora se ne sta interessando la magistratura, che mi attribuisce un ruolo sulla fornitura" di camici "da onerosa a gratuita. Sapevo che Dama si era dichiarata disponibile a rendersi utile per fornire un contributo. Anche la fornitura di camici rientrava in questa disponibilità. Sono tuttora convinto che si sia trattato di un negozio corretto. Ma poiché il male è negli occhi di chi guarda, ho chiesto a mio cognato di rinunciare" al pagamento. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervenendo in Consiglio regionale, dopo l'inchiesta della procura di Milano sulla fornitura di camici alla Regione da parte di Dama Spa, in cui è indagato per frode in pubbliche forniture. "Su questo aspetto sono stato facile profeta. La magistratura sta lavorando su questo punto ipotizzando" una diversa ricostruzione dei fatti, ha aggiunto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata